Dirk Vorndamme | Il mondo non è abbastanza

"Allo stesso modo anche la terra morirà se loro (le persone) continuano così. Nessuna domanda. Ecco perché abbiamo di nuovo la morte qui. L'uomo è così stupido, lo dirò ora, come un virus del cancro, che distrugge il proprio ospite e poi muore. Perché se il mondo è a pezzi o la foresta pluviale è scomparsa, per esempio, allora il piccolo essere umano non è lontano o se le api muoiono, anche la specie umana non è lontana. Buon punto. E gli insetti e le api stanno lentamente morendo. Questo è il mio argomento". (Dirk Vorndamme, 2021)
Parole oscure, ma purtroppo anche vere, quelle dell'artista Dirk Vorndamme nel luglio di quest'anno, durante l'intervista per la sua mostra. Gli esseri umani non sembrano essere in grado di vivere in armonia con la terra in un modo che crei una relazione simbiotica che sia benefica per tutti gli esseri viventi. Già nelle sue due precedenti mostre, nove e otto anni fa nella vecchia OZM dovevano essere visti nelle Sternschanze Dirk Vorndamme sentì tutti i fardelli legati all'umanità moderna. In un'intervista sulla sua ultima mostra Va tutto bene piccola! (2013) ha affermato che i processi e i processi negativi causati dall'uomo non possono più essere trasformati in positivi. E finora ha avuto ragione. Quasi nessun artista nel OZM trasmette un messaggio così diretto e chiaramente riconoscibile dalla critica con la sua arte come fa Dirk nella sua mostra Il mondo non è abbastanza fa. Una serie di temi nevralgici, come il razzismo, il terrore, l'avidità, le catastrofi climatiche, la crescita infinita e la distribuzione ineguale di risorse e capitali, scorrono come fili rossi attraverso l'opera di Dirk Vorndamme, che da 25 anni progetta e realizza cartelloni pubblicitari. Con il suo attuale lavoro in OZM HAMMERBROOKLYN, che ha iniziato con i primi schizzi 1,5 anni fa, riesce per la prima volta a mostrare un'affermazione onnicomprensiva che combina molti dei suoi temi in un'unica visione.
Dirk Vorndamme | Va tutto bene piccola!
Dirk Vorndamme | Mondo spazzatura!
Dirk Vorndamme | Vogliamo il tuo Olio | arancia
Dirk Vorndamme | gay 13

L'opera più grande dell'artista fino ad oggi, misura 2 x 2 metri, si trova in una stanza completamente dipinta di nero. Al centro a destra davanti all'ingresso sul pavimento c'è una croce con la scritta: "RIP Madre Terra". Mama Terra è sepolta semioticamente qui. Dietro, come se fluttuasse, c'è la parte del collage dell'installazione artistica. Tutto è abilmente e drammaticamente accentato con la luce. Il pezzo collage dell'opera, che presenta chiaramente il mondo e uno scheletro strisciante su di esso, è composto da diversi strati di poster. Lo scheletro umano in particolare è costituito da diversi strati di carta in modo da conferire maggiore profondità e plasticità all'opera.

Ormai da diversi anni, il poster è stato il materiale da cui partire Dirk Vorndammes arte consiste principalmente e quindi illustra il suo amore per questo materiale. L'artista trova questi spessi strati di manifesti, che costituiscono sempre il punto di partenza delle sue opere, per strada. Una volta trovato un cartellone pubblicitario adatto e tolto dalla strada, pensa al formato che dovrebbe avere il lavoro, quale motivo vorrebbe utilizzare e poi inizia con uno schizzo a matita. Quindi dipinge, costruisce, impila e armeggia il resto in un poster da parete. A causa della struttura intrinseca della superficie dei poster con i dossi, conferiscono a ogni immagine un'unicità. usa per le sue foto Dirk Vorndamme il retro dei poster, in quanto hanno un colore bianco o grigio neutro e monocromatico e possono quindi essere elaborati meglio. Le prime pagine, invece, annunciano trascorsi concerti, festival, eventi culturali, incontri e molto altro. Non sono quindi solo le sostanze per le singole opere d'arte, ma anche colorate testimonianze del passato. Per questo sono specchi delle condizioni sociali e fonti importanti per la comprensione di un certo tempo. Purtroppo, nel mondo sempre più digitalizzato, i manifesti stanno diventando sempre più rari, motivo per cui il materiale sta gradualmente scomparendo dalle strade; Almeno gli strati troppo spessi di poster incollati uno sopra l'altro, alcuni dei quali si stanno già staccando dal supporto da soli. Altrimenti funziona Dirk Vorndamme volentieri e abbastanza classicamente con pennello e vernice. Spesso puoi ancora vedere il tratteggio delle pennellate nel suo lavoro. Predilige i colori accesi come turchese, viola e rosa e ama l'artigianato manuale. Ad esempio, non utilizza tecniche informatiche.

A Dirk VorndammeL'arte mescola aspetti eccitanti. Nel contesto espositivo contestualizzato del OZMs sorge z. B. la seguente domanda: Le opere dell'artista sono da attribuire alla street art o meglio no? Da un lato usa chiaramente un materiale (poster) che viene dalla strada. D'altra parte, le sue opere non sono né create lì né esposte nello spazio urbano. Non l'ha mai fatto prima. Tuttavia, attraverso l'uso del manifesto materiale, che solitamente è un foglio di carta o tessuto stampato con un testo e un'immagine e veicola un messaggio, l'arte di Vorndamme si riferisce all'ambiente pubblico della strada, anche se può essere visto all'interno di una mostra edificio è. Fino alla grande distribuzione televisiva (intorno al 1970), il manifesto è stato uno dei più importanti mezzi pubblicitari. Da allora è cambiato molto poco. Allora come oggi, è spesso stampato in grandi numeri su carta, è grande, colorato, appariscente, contiene immagini e testo nella disposizione più significativa possibile e vuole comunicare qualcosa. Questi componenti sono nella parte collage di Il mondo non è abbastanza chiaro da vedere. Anche se il formato dell'opera non è quello classico di un poster, è grande e ben visibile. È anche colorato e contiene sia motivi che scritte. Allo stesso modo, le affermazioni veicolate dall'opera d'arte sono chiare e autoesplicative, anche se non si trovano a prima vista. L'artista (mittente) non può essere sicuro al XNUMX% se il suo messaggio raggiungerà il singolo visitatore (destinatario). Sia il lavoro di Dirk Vorndamme assegnato alla street art non può essere chiarito con chiarezza. Quel che è certo, però, è che produce arte nello stile della street art.

"Non è facile con il negativo. Devi fare i conti con il negativo. Con il positivo devi solo guardare. (Dirk Vorndamme, 2013)

Interessante anche il modo in cui sono disegnati i motivi di Vorndamme. Evocano una forte associazione con i fumetti. Soprattutto lo scheletro, che viene utilizzato più e più volte dall'artista e attraversa l'intera sua opera, è molto sorprendente. Disegna teschio e ossa Dirk Vorndamme era stato incantato dalla sua prima giovinezza e quindi dipingeva sempre gli scheletri delle persone invece dei loro corpi. Per l'artista, la creatura ossea simboleggia il male dell'umanità e mostra che non si preoccupa di creare arte "bella" e piacevole. La sua intenzione è che lo spettatore sviluppi una sensazione spaventosa. Ecco perché chiama la sua arte “Horror Pop Art”. Si possono sicuramente tracciare alcuni parallelismi con il movimento Pop Art. Ad esempio, alcuni artisti di questo genere includevano l'estetica dei fumetti nella loro arte o alienavano i fumetti in pannelli giganti a griglia come Roy Liechtenstein. Ma anche cartelloni pubblicitari, etichette pubblicitarie o materiale di imballaggio e oggetti del consumo quotidiano e della cultura di massa sono stati integrati nell'arte come contenuto visivo. Gli oggetti sono stati spesso rimossi dal loro contesto originale e alienati. Gli artisti a volte usavano colori fluorescenti luminosi che prendevano dalla tavolozza dei colori della pubblicità moderna. Oltre alle tecniche pubblicitarie, i principi di progettazione artistica preferiti della Pop Art includevano anche le tecniche di fotomontaggio e collage. Nelle loro opere, gli artisti della Pop Art si sono occupati in particolare dello scopo della vita dell'uomo moderno, sottolineando i beni di consumo e gli oggetti banali caratterizzati da una banale esigenza di intrattenimento. Così, nella sua interpretazione della cultura determinata industrialmente, la Pop Art ha espresso sia ammirazione che critica per la moderna società dei consumi. Alcuni dei punti elencati possono essere Dirk VorndammeLe opere di s possono anche essere ritrovate. Il massimo accordo si trova nell'uso di colori accesi e luminosi. Ma il suo stile pittorico può essere attribuito anche a quello dei fumetti, anche se non utilizza i punti della griglia. Inoltre, sia la parte collage che la croce dipinta da Il mondo non è abbastanza un grande formato che ricorda quello di un cartellone pubblicitario. Se guardi gli altri Lavori dell'artista, puoi vederlo Dirk Vorndamme ama anche raccogliere oggetti dalla vita quotidiana e beni di consumo dai rispettivi contesti conosciuti per accentuarli e collocarli in nuovi contesti. Il focus della sua arte è chiaramente sull'uomo moderno nel 21° secolo, e il modo di vivere nei paesi industrializzati in particolare è esaminato in modo critico.

L'artista invita cordialmente i visitatori ad entrare nell'installazione, a muoversi nello spazio, a percorrere la parte scultorea dell'opera, a toccarla con attenzione ea cercare le parole scritte. Non è un argomento piacevole Dirk Vorndamme con la sua opera d'arte OZM HAMMERBROOKLYN trattato. Ma la preoccupazione principale dell'artista non è insegnare alle persone il contrario. In primo luogo, vuole sbarazzarsi dei propri demoni e paure. Pensa che sia bello quando le persone cambiano attraverso la sua arte, ma non è il primo pensiero che ha quando realizza le sue opere. Ma la mostra, che l'artista vede come un rappresentante pittorico del movimento “Fridays for Future”, ne è un chiaro richiamo. L'arte è in grado di toccare le persone in un modo diverso rispetto al solito discorso politico in articoli di giornale, commenti o televisione, ad esempio. Se necessario, il potere emotivo di un'immagine si rivela più forte del difetto intellettuale dello spettatore. L'arte ha un impatto sul modo in cui certe cose vengono viste. Questo li rende unici. Per Dirk Vorndammechi ha il proprio punto di vista e lo esprime pubblicamente, l'arte è un ottimo strumento per presentarlo. E infine, non bisogna dimenticare che le leggi sono fatte dall'uomo. In altre parole, sono imperfetti e soggetti a modifiche.

Swell
speciale d'arte (rivista d'arte): Street Art, Amburgo, 2014.
Benke Carlsson/Hop Louie: URBAN ART CORE - Istruzioni per gli attivisti della street art, Monaco di Baviera 2014.
Eva Howarth: "Pop Art", in: Eva Howarth (a cura di): Storia dell'arte - la pittura dal medioevo alla pop art, Colonia 1993, pp. 236-238.
ArabicChinese (Simplified)DanishEnglishFrenchGermanHindiItalianJapaneseKoreanRussianSpanish
 © OZM gGmbH tutti i diritti riservati | 2022-12-08 HAMMERBROOKLYN