Loomit | barboncino di pasta

“Devi padroneggiare il tuo strumento. La pittura è lo strumento del disegno. Devi essere in grado di disegnare la mela prima di poter dipingere in grande sul muro. Prima di spalmare la vernice sul muro devi avere un'idea di forma, luce e ombra e così via. Questo viene dal disegno. Il mestiere deve essere appreso". (Loomit, 2020)

È impressionante vedere l'impatto che un pacchetto di pastelli, carta e un fumetto emozionante può avere sui bambini. Cresciuto a Buchloe, il mito dei graffiti si è messo alla prova Loomit con le sue bombolette aerosol nelle zone rurali prima di partire per le città del mondo per dimostrare le sue capacità e diffondere il suo nome. Come nessun altro, è riuscito a far conoscere il suo nome d'arte in tutto il mondo, anche negli angoli più remoti. Da più di 38 anni ormai Loomit nel mondo dei graffiti urbani e il suo cuore batte ancora a tutta forza per quest'arte. E quindi non sorprende che fino ad oggi le sue sei lettere siano l'obiettivo principale della sua arte. nel OZM HAMMERBROOKLYN puoi ammirarlo non solo sulla facciata esterna sud della mostra, ma anche molto bene nelle nuove sale della sua mostra barboncino di pasta.

Grazie ai suoi decenni di pratica e all'acquisizione di nuove conoscenze durante i suoi viaggi, ci riuscì Loomit sviluppare un proprio linguaggio visivo che non solo riprende gli elementi tradizionali della scrittura stilistica, ma oscilla anche tra l'astrazione e la figurazione oltre che i colori espressivi. In questa mostra, a parte le serie più piccole, ogni quadro è autonomo e forma un universo individuale creato dall'artista. Puoi vedere costruzioni illusionistiche e forme organicamente curve, che solo a un esame più attento possono essere individuate come corpi di plastica riconoscibili.
La fase di base in quasi tutti LoomitNei dipinti esposti, uno o più dei suoi personaggi (“L”, “O”, “O”, “M”, “i”, “T”) formano uno o più dei suoi personaggi, che solitamente “costruisce” nello spazio. Tuttavia, non comprende le sue lettere graficamente, ma piuttosto pittoricamente, con luci e ombre. Come oggetti disordinati in uno spazio apparentemente infinito, a volte possono distorcersi o piegarsi e diventare paesaggi. Loomit Si tratta principalmente della rappresentazione artistica del suo nome, ma non vuole solo dipingerlo, ma anche posizionarlo in modo interessante in una stanza.

Allo stesso tempo usa i personaggi come piattaforma per storie illustrative più piccole. Per queste storie, usa spesso animali e paesaggi, e occasionalmente compaiono anche esseri umani. Secondo la sua stessa dichiarazione, gli animali non hanno uno status speciale per Loomit, ma gli piace visualizzarli e non sono facilmente paragonabili ad altre cose, come B. persone. È decisamente sorprendente che, oltre ai suoi personaggi scritti, nella sua opera appaiano più frequentemente raffigurazioni di animali.
Loomits le opere di piccole e medie dimensioni sono caratterizzate dall'uso abbastanza frequente di colori primari contrastanti e sono caratterizzate da due o tre piani pittorici dipinti. In primo luogo c'è lo sfondo, che è disegnato in un colore o con transizioni di colore fluide e sottili (gergo dei graffiti: "dissolvenze"). Nella seconda forma di realizzazione in particolare, lo sfondo appare spesso chiaro e arioso. Le forme o figurazioni diversamente strutturate possono essere riconosciute come il secondo strato. Questi sono eseguiti in uno stile molto dinamico e quindi portano movimento nelle immagini. Colpisce che solo le rappresentazioni figurative sono contornate. Le altre forme non hanno contorni netti o quello che viene anche chiamato "contorno" nel gergo dei graffiti, il che è insolito poiché questo è per lo più fatto con i pezzi. Di conseguenza, sembrano essere leggermente sfocati e avvolti da un velo nebbioso. Questo crea un'atmosfera idilliaca e misteriosa. Questa tecnica è chiamata "sfumato" nella storia dell'arte e anche se Loomit non usa la pittura ad olio per i suoi quadri, ma lo stile gli ricorda. I personaggi e le forme risaltano dallo sfondo per la loro diversa colorazione. Il loro spettro spazia dai colori brillanti ai toni pieni tenui e ai rispettivi toni pastello. L'artista usa anche la dissolvenza per queste raffigurazioni. Loomit lavora con molta luce e ombra, creando un effetto spaziale. Ma è percepibile anche l'uso di punti salienti come effetti nebbia e lucentezza o gocciolamenti, che vengono mostrati come un terzo strato di colore.
Inoltre, l'artista utilizza prospettive interessanti che forniscono effetti di sorpresa per l'osservatore. In alcuni casi è necessario un esame approfondito per poter classificare ciò che viene mostrato in modo significativo. Per evocare l'impressione di uno spazio tridimensionale sullo schermo utilizza Loomit spesso la prospettiva centrale. Vari effetti possono essere ottenuti utilizzando uno o più punti di fuga. Così, le immagini con un punto di fuga danno rapidamente l'impressione di una costellazione spaziale piuttosto rigida e saldamente assemblata, mentre le tele con due punti di fuga suggeriscono una maggiore apertura e profondità, che allo stesso tempo assegnano allo spettatore un punto di vista piuttosto distanziato, perché provenga dallo spazio pittorico è più chiaramente escluso. Inoltre, soprattutto nelle serie più piccole, si trovano spazi privi di profondità, progettati per essere enfaticamente “piatti”, in modo che le figure e gli sfondi appaiano come strati spinti l'uno di fronte all'altro. A causa delle sezioni dell'immagine selezionate, le immagini hanno una sorta di panoramica e funzione di orientamento per i destinatari. Oltre alla prospettiva attraverso la quale viene riprodotto un determinato spazio, ci si può anche interrogare sulla funzione degli spazi visualizzati. a Loomit Questi servono principalmente a trasmettere uno stato d'animo (della sua persona, un personaggio, una scena o una storia), ma anche a situare un'azione. Come già descritto all'inizio, i fumetti erano entrati LoomitLa giovinezza ha avuto qualche effetto su di lui. Questa influenza può ancora essere trovata nel suo lavoro oggi. Ma cosa collega Loomits l'arte con quella dei fumetti e dove si possono vedere le differenze?
Una particolarità evidente di un'illustrazione a fumetto è la pluralità su un piano bidimensionale, che nelle opere di Loomit è chiaramente presente. L'artista mostra anche riferimenti diretti al fumetto attraverso l'uso di estratti, le dinamiche create nello stile caratteristico, attraverso superfici monocromatiche e il contouring attraverso contrasti cromatici. Le dimensioni piuttosto ridotte delle tele e la disposizione uno accanto all'altro di diversi quadri più piccoli, particolarmente evidente nella serie, ricordano la struttura di una pagina a fumetti. Inoltre, le configurazioni di colore, forma o contenuto vengono ripetute, risultando in una struttura più generale caratteristica di un fumetto. Un'altra caratteristica distintiva dei fumetti è che spesso presentano uno stadio di fantasie indipendenti e mondi onirici, ecco cosa Loomit si può anche vedere. Usa una gamma abbastanza ampia di stili pittorici. Nella storia del fumetto ci sono anche alcuni artisti che sono spesso trascurati nella solita storia del fumetto, ma che, con grande entusiasmo per la sperimentazione, hanno creato mondi peculiari e così hanno cambiato esteticamente e permanentemente la forma del fumetto; Ad esempio 1926 Otto Nückel con Destiny - A Story in Pictures o 1929 Lynd Ward con God's Man. Hanno capito la pagina del fumetto come una forma d'arte a sé stante e hanno creato le proprie visioni – soprattutto, hanno saputo utilizzare il layout di grande formato della singola pagina. Inoltre, nel mondo del fumetto si sono sviluppate anche storie per immagini mute, che certamente rappresentavano narrazioni sequenziali, anche se mancavano le tipiche delimitazioni del pannello (pannello: immagine singola illustrata di una scena in un fumetto) o altri elementi comici. Gli artisti hanno sfruttato al meglio l'opzione di riportare nel modo più complesso possibile utilizzando singole immagini interconnesse. Tuttavia, queste storie senza parole, con la loro spesso impegnativa implementazione nel linguaggio visivo, erano destinate più a un pubblico interessato alla cultura, motivo per cui da esse non si è sviluppata alcuna tradizione realmente indipendente.
Ci sono nelle immagini di Loomit ma anche aspetti che contraddicono i tradizionali design dei fumetti. Pertanto, nella maggior parte dei fumetti, le forme raffigurate sono sagomate, che è ciò di cui le immagini Loomit spesso non è così. Allo stesso modo, non c'è una connessione senza soluzione di continuità chiaramente riconoscibile tra una storia e la consueta comunicazione con lo spettatore attraverso moduli di testo o rumori visualizzati nei fumetti non ha luogo nelle sue opere. Inoltre, le immagini vengono visualizzate da Loomit in contrasto con i pannelli nei fumetti convenzionali più da soli, poiché di solito ci sono omissioni tra le singole immagini e ci sono ad es. B. non usa le cosiddette "moveline" per illustrare i movimenti delle sue serie. Ma come già descritto, l'artista utilizza altri mezzi pittorici per portare dinamica e movimento nelle sue opere. Si è anche già detto che esistono anche fumetti che possono essere costituiti da singole immagini statiche senza limitazioni di pannello, come nel caso di Loomits mostra è il caso. L'artista ha un approccio più intuitivo alla narrazione attraverso le immagini e un acuto senso di creare un'ambientazione che crea un'atmosfera inimitabile con le sue composizioni originali. Ai fini della comunicazione con i destinatari, si può dire che le opere comunicano con noi come in una sorta di film muto: gli elementi visivi sono visti e interpretati, ma l'artista non fornisce alcuna chiara informazione verbale sulla narrazione. Tuttavia, le lettere qui non servono solo come argomenti con cui Loomit artisticamente impegnati, ma si prestano anche come mezzo di comunicazione nel senso di onomatopee. I personaggi, inoltre, sono i motivi che compaiono più frequentemente nella mostra e possono quindi essere classificati come “figure principali”. Ancora una volta, questo è un elemento che si trova quasi sempre nei fumetti.

Un bell'esempio in Loomits mostra, che riprende i tratti caratteristici del fumetto e delle precedenti descrizioni, è il quadro La caccia.

Ciò che si vede è una singola immagine frammentaria e statica che, con l'aiuto della prospettiva centrale, ci presenta una panoramica di una scena diversa. L'immagine situa anche un'azione, in questo caso – come suggerisce il titolo e quanto mostrato – una caccia e forse parte di una storia. Non è chiaro se questo sia l'inizio, il culmine o la fine della narrazione. Lo sfondo è stato disegnato nelle già citate transizioni cromatiche fluide e anche i colori primari contrastanti sono chiaramente visibili. Questo esempio di lavoro rende meravigliosamente chiaro come Loomit comprende artisticamente le sue lettere, perché i colori utilizzati in modo mirato creano effetti di luce e ombra, che rendono tridimensionale ciò che è raffigurato e conferiscono all'immagine una profondità spaziale. Inoltre, i personaggi qui servono non solo come protagonisti, ma anche come palcoscenico per la narrazione. L'intera composizione è molto dinamica, tutto sembra vivo come in una performance. Le due "O" possono essere viste chiaramente in primo piano. A causa delle forme di design scelte, sembra che abbiano due armi in testa e puntino alla "M", che sembra un bersaglio, più in alto nell'immagine. O la figura a destra sullo sfondo è il presunto bersaglio? In ogni caso, la "M" sembra essere stata posizionata nella parte superiore dell'i-point. Questa lettera è chiaramente vista qui come una montagna incombente che la persona sta scalando. La figura, che sembra essere un uomo per via dei muscoli finemente accentuati, alza il braccio sinistro e probabilmente fa oscillare la "T". O la forma che ha in mano è un corno o una balestra? Il personaggio è un guerriero o anche un eroe divino e dov'è nascosta la "L" in tutto questo? Alcune domande restano aperte e non hanno risposta.
LoomitLe immagini sono ricche di allusioni, piene di metafore e narrazioni allegoriche. Ciò è particolarmente evidente anche nei soggetti ben riconoscibili degli animali. Le raffigurazioni di animali svolgono un ruolo importante nell'origine del sistema di rappresentazione umano e sono tra i primi motivi in ​​pittura, fotografia, scultura e film. Si possono trovare nell'arte nel corso dei millenni: ad esempio come studi nel Rinascimento, come creature selvagge nel periodo romantico, come esseri belli nel Classicismo o come rappresentazioni di forze vitali nell'Espressionismo. Anche nei media popolari come B. il fumetto, esistono da molto tempo. Per molti anni gli animali hanno funzionato, ad es. B. come attributi della natura e dei tratti caratteriali, dei sensi e delle attività umane. Ma possono anche essere simboli di qualcosa. Il confine tra attributo e simbolo è fluido e il loro significato può cambiare nel corso degli anni. Oggi, queste interpretazioni sono passate in secondo piano per la maggior parte delle persone. Tuttavia, il cervo può rappresentare la bontà e la saggezza, o poiché è un animale agile, può anche essere interpretato come un simbolo del passare del tempo. L'orso, d'altra parte, è talvolta inteso come la forza formatrice dell'arte e la gru è sinonimo di fortuna e longevità in Giappone e Cina. Oggi è chiaro che non c'è e non può esserci un'interpretazione dell'animale uniforme, assoluta ed eterna, ma solo concezioni dell'animale storicamente e culturalmente limitate. Quindi non sorprende che non solo le interpretazioni, ma anche le forme di rappresentazione cambino e si espandano. Negli ultimi anni c'è stato un numero crescente di artisti che hanno sviluppato animali robotici. Simile a vedere nelle immagini godimento 1 , godimento 2, dove un elefante dall'aspetto robotico sembra tenere in mano un macinacaffè(?) e un orso polare che ascolta un disco in vinile su un grammofono.
Tutto sommato, questa impressionante mostra combina attività artistica e ingegno perfette e professionalmente eseguite. L'originalità di LoomitL' arte è il suo uso della frangia artistica della cultura popolare: un mix di graffiti e fumetti artisticamente sfumati, e la sua capacità di rimontarli per creare qualcosa di nuovo. I famosi standard classici dei graffiti e le convenzioni del mondo dei fumetti vengono svincolati dal loro ancoraggio originale e Loomit li rilascia in una vasta gamma della sua immaginazione. Il fulcro delle sue opere è quasi sempre una delle sue sei lettere, che di solito è rappresentata in modo criptico. Pertanto è difficile identificarli nelle immagini. In primo piano, oltre ai personaggi, la creazione visiva di un'atmosfera mistica e il racconto di storie. Loomits forme sono caratterizzate da grazia e vivacità simili a una danza, inserite suggestivamente in questi paesaggi di sfondo apparentemente infiniti. Tuttavia, non irradia il vuoto solitario di un Yves Tanguy, ma piuttosto una distesa celeste che appare leggera e ariosa. Tuttavia, non tutto è mai chiaramente comprensibile e quindi i suoi mondi pittorici, che hanno un alto effetto di riconoscimento, pongono sempre un enigma. In questo modo l'artista lascia ai lettori dei suoi quadri una grande libertà di interpretazione. Che ognuno trovi la propria storia!
Secondo un'amata leggenda, i fumetti sono l'invenzione urbana dell'ultimo giro di secolo. Il primo periodo di massimo splendore dei fumetti è stato centrato a New York. La forma d'arte moderna dei graffiti è nata anche per le strade di New York. Un meraviglioso parallelo che si rivela da questo. Ed entrambe le forme sono ancora elementi nel volgare della vita moderna.
Fonti:
Julia Abel/Christian Klein (a cura di): Fumetti e graphic novel - Introduzione, Stoccarda 2016.
Matilde Battistini/Lucia Impelluso (a cura di): Il grande dizionario illustrato di simboli e allegorie, Berlino 2012.
Christine Dallmann, ed altri (a cura di): Fumetti - Prospettive interdisciplinari da teoria e pratica su un figliastro dell'educazione ai media, Monaco di Baviera 2018.
Cristoforo Ganter: Graffiti School - La strada per il tuo stile, Monaco di Baviera 2013.
Klaus Schikowski: Il fumetto, stilista artista, Stoccarda 2014.
Jessica Ullrich: "Animali e Belle Arti", in: Roland Bogards (a cura di): Animali - Manuale di studi culturali, Stoccarda 2016, pp. 195-216.
Kirk Varnedoe/Adam Gopnik: "Fumetti", in: Kirk Varnedoe/Adam Gopnik (a cura di): High & Low – Arte moderna e cultura banale, Monaco di Baviera 1990, pp. 110-168.